Capsaicina

Sebbene la capsaicina, presente in tutti i peperoncini piccanti, sia nota per fornire una sensazione di bruciore, l'assunzione di pillole di capsaicina può avere diversi benefici per il corpo.

Molte persone sono interessate a utilizzare l’integratore di capsaicina anche per la perdita di peso e per la gestione del peso.

Questo articolo rivelerà i suoi benefici per la salute, insieme ad alcuni punti a cui dovresti prestare attenzione.

La capsaicina è il principio attivo dei peperoncini che conferisce loro il sapore piccante.

Tutti i tipi di peperoncino contengono una certa quantità di capsaicina. Più capsaicina ha un peperoncino, più piccante è.

La ricerca mostra che la capsaicina può influenzare diversi meccanismi correlati alla perdita di peso, tra cui il metabolismo basale, l'adipogenesi, la termogenesi, l'appetito e l'ossidazione dei grassi.

Il modo preciso con cui la capsaicina funziona per la perdita di peso non è completamente compreso. Tuttavia, si ritiene che la maggior parte degli effetti della capsaicina derivino dall'attivazione dei recettori TRPV1 in tutto il corpo.

Prove preliminari suggeriscono che l'assunzione di integratori di capsaicina o il consumo di peperoncino può ridurre il peso corporeo e prevenire l'obesità, in una certa misura.

Può causare un aumento dell'ossidazione dei grassi rispetto all'ossidazione dei carboidrati. Questo può diminuire l'appetito, che può successivamente ridurre l’assunzione di cibo.

In altre parole, il consumo di capsaicina può bruciare più grasso per avere energia rispetto al glucosio immagazzinato (zucchero).

La capsaicina per la perdita di peso

La capsaicina può promuovere effetti anti-obesità stimolando i recettori TRPV1 nel corpo.

Questo è un recettore coinvolto nella rilevazione e regolazione della temperatura corporea. Si attiva quando le temperature sono superiori a 43°C (109 ° F) o dopo aver mangiato peperoncini piccanti, wasabi o senape.

Il TRPV1 si riferisce alla sottofamiglia V membro 1 del canale del catione potenziale del recettore transitorio. A volte viene indicato come il recettore della capsaicina o il recettore vanilloide 1.

I recettori della capsaicina si trovano in tutto il corpo nei neuroni del cervello, nelle cellule muscolari, nei mastociti, nei linfociti T, nei fibroblasti, nelle cellule epatiche e negli adipociti (cellule di accumulo di grasso).

L'attivazione dei recettori TRPV1 può indurre numerosi effetti biologici. Nel 2015, una recensione della capsaicina ha concluso che può indurre l'attivazione sistemica (corpo intero) del TRPV1.

I recettori della capsaicina mediano la sostanza P; un neuropeptide e neuromodulatore che ha ruoli nell'infiammazione, nel dolore, nello stress e nell’ansia.

L'attivazione di questo tipo di recettore può anche aumentare il metabolismo e la termogenesi, inducendo il corpo a bruciare più calorie.

Capsaicina in capsule:

Un integratore dimagrante a base di capsaicina Capsiplex, il segno distintivo per la perdita di stelle di peso. Clicca qui per leggere la nostra recensione completa su Capsiplex.

Ricerca sulla capsaicina per l'obesità

Capsaicina

In un singolo studio, la somministrazione orale di capsaicina ha ridotto le quantità di cibo consumato e aumentato il senso di sazietà.

Gli studi a lungo termine sull'uomo relativi agli effetti della capsaicina sono stati limitati, principalmente perché si tratta di una sostanza molto pungente che influisce in modo sgradevole sugli organi del gusto e dell'olfatto.

Attivando i recettori TRPV1, la capsaicina può causare il rilascio di adrenalina (epinefrina) dalle ghiandole surrenali. Questo stimola le attività beta-adrenergiche sulle cellule adipose, che successivamente stimolano il metabolismo.

In uno studio, consumando 10 grammi di peperoncino rosso in un pasto aumenta il metabolismo per mezz'ora dopo aver mangiato. La ricerca continua a esplorare gli effetti della capsaicina sul tasso metabolico e sulla composizione corporea.

Ossidazione dei grassi:

L'ossidazione dei grassi si riferisce alla quantità di energia (calorie) derivata dagli acidi grassi anziché dai carboidrati come il glucosio.

Nei ratti, l'ingestione orale di 10 mg/kg di peso corporeo di capsaicina sembrava  far  aumentare l'ossidazione dei grassi in seguito alla sovra-regolazione del rilascio di adrenalina.

In uno studio sull'uomo, la capsaicina ha anche aumentato i tassi di ossidazione del grasso. Ciò si è verificato in uomini adulti sani che hanno ingerito 150 mg di capsaicina un'ora prima di impegnarsi in sessioni di allenamento a bassa intensità.

Gli effetti dell'ossidazione del grasso della capsaicina continuano a essere esplorati negli studi sull'uomo.

Termogenesi:

Fondamentalmente, la termogenesi si riferisce alla produzione di calore all'interno del corpo. Nei mammiferi, la termogenesi si verifica principalmente quando le calorie vengono bruciate (metabolizzate).

Bruciare più calorie crea più calore. Quando la temperatura interna del corpo viene aumentata attraverso la termogenesi, questo provoca anche un più alto tasso metabolico.

La capsaicina è anche in grado di aumentare la termogenesi. Ciò sembra verificarsi a causa della stimolazione neuronale, molto probabilmente da parte dei nervi che esprimono i recettori VR1 (tipo vanilloide 1).

I ricercatori continuano a studiare come la termogenesi indotta dalla capsaicina possa supportare la perdita di peso e/o inibire il recupero di peso. Tuttavia, è necessaria più ricerca sugli umani per capirlo più completamente.

Adipogenesi:

L'adipogenesi si riferisce al processo in cui le cellule di accumulo di grasso immature chiamate preadipociti maturano negli adipociti. Come molte cellule e tessuti in tutto il corpo, gli adipociti esprimono il TRPV1.

Negli adipociti isolati, la capsaicina ha ridotto l'accumulo di cellule grasse durante i periodi di adipogenesi del 62%. Anche le attività degli acidi grassi sintasi sono state ridotte (del 91%). Quando questi adipociti non erano nel processo di adipogenesi, la capsaicina non ha avuto alcun effetto.

La capsaicina può ridurre l'adipogenesi inibendo gli accumuli di trigliceridi nelle cellule adipose. E’ stato dimostrato che anche piccole quantità di capsaicina inducono questi effetti durante l'adipogenesi.

In uno studio, quando i topi venivano nutriti con una dieta ricca di grassi insieme a una quantità non nota di capsaicina, l'obesità veniva prevenuta per 4 mesi. Non sono stati apportati cambiamenti significativi nella dieta.

Questo effetto antiobesità non è stato notato nei topi che non esprimevano i recettori TRPV1.

Appetito:

La ricerca preliminare sull'uomo ha rilevato che l'assunzione di 2,5 mg di capsinoidi, inclusa la capsaicina, ha avuto effetti negativi sul consumo di calorie.

Hanno concluso che l'aggiunta di capsaicina alla dieta potrebbe aiutare con la perdita di peso perché potrebbe ridurre l'apporto calorico.

In quest'area sono necessari studi a lungo termine sull'uomo per determinare l'efficacia della capsaicina per controllare l'appetito o ridurre l'assunzione di calorie.

Digestione

Capsaicina

Oltre ad aiutare a perdere peso, la capsaicina aiuta anche nella digestione dei carboidrati. Stimola lo stomaco e l'intestino, aumentando così la loro attività peristaltica. Questo a sua volta, mantiene sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue mentre il cibo viene digerito.

Come accennato in precedenza, aumenta anche il tasso metabolico del corpo, che è un altro fattore importante che aiuta nel processo di digestione. Pertanto, il cibo elaborato in modo efficiente darà una buona svolta al corpo.

.. Disturbi infiammatori

E’ stato affermato che le pillole di capsaicina possono aiutare nel trattamento dei disturbi infiammatori cronici, come l'artrosi o il dolore alle articolazioni.

La capsaicina ha un leggero potenziale anti-infiammatorio, poiché impedisce la produzione e la circolazione della sostanza P, che è responsabile della causa del dolore e dell'incitamento a una reazione infiammatoria.

Gli studi sono ancora in corso per scoprire se le pillole di capsaicina possono essere utilizzate per trattare tali condizioni.

.. Sinusite e congestione nasale

Spesso, osserviamo che mangiando cibi piccanti, i nostri occhi iniziano a lacrimare. Bene, la capsaicina è così calda che ha il potenziale per stimolare le secrezioni e così, aiuta a eliminare anche il muco del naso. Così, allevia la congestione nasale e un naso bloccato.

Si dice che queste pillole aiutano anche ad alleviare la sinusite, che si sviluppa a causa di un'allergia.

.. Cancro?

Molti studi preliminari su animali hanno dimostrato l'impatto che la capsaicina ha sulle cellule del cancro (della prostata e del pancreas). Sembra che la capsaicina abbia come target un complesso proteico chiamato NF-kappa B, a causa del quale si nota una riduzione del tumore.

Studi simili hanno dimostrato che è anche in grado di distruggere i mitocondri (principale fonte di energia), attaccando così le cellule del cancro del polmone e del pancreas, mentre le cellule sane rimangono intatte.

Tuttavia, c'è qualche speranza che in futuro queste pillole possano essere usate, se non per curare il cancro, almeno per attenuare la gravità dei sintomi del cancro.

Effetti collaterali della capsaicina

Capsaicina

I peperoncini sono considerati un alimento GRAS (Generally Regarded as Safe – Generalmente considerato sicuro) secondo la FDA.

Questi peperoncini sono sicuri per la maggior parte delle persone in quantità alimentari, ma possono causare irritazione o una sensazione di bruciore spiacevole se consumati da individui con un'alta sensibilità ai cibi piccanti.

Questi effetti sono di solito temporanei e non collegati a gravi condizioni di salute. La maggior parte delle persone non sperimenta effetti collaterali seri dalla capsaicina nei peperoncini.

Se usato come integratore alimentare, la capsula della capsaicina non interagisce con le papille gustative della lingua. Pertanto, non causeranno una sensazione di bruciore.

In alcune persone, mangiare peperoncino fa aumentare la sudorazione, il rossore del viso, il gas, il gonfiore, la nausea e/o la diarrea. Quando la capsaicina viene utilizzata come crema topica per dolori articolari, può causare prurito, bruciore e pizzicore dove viene applicata.

La capsaicina del peperoncino può interagire con alcuni farmaci. Prestare attenzione se si combinano estratti di peperoncino con ACE inibitori, farmaci antidiabetici e farmaci antipiastrinici.

Fai attenzione a combinare la capsaicina con integratori a base di erbe che possono aumentare il rischio di sanguinamento. Alcuni di questi includono lo zenzero, l'aglio, il ginseng, la curcuma e il fieno greco.

Parla con il tuo medico circa l'utilizzo della capsaicina durante la gravidanza o durante l'allattamento. Interrompi l'uso di integratori di capsaicina 2 settimane prima degli interventi chirurgici programmati.

Non esiste un dosaggio tipico per l'utilizzo della capsaicina per scopi di perdita di peso. Piccole quantità hanno dimostrato di attivare il TRPV1. Parla con il tuo medico circa il miglior livello di dosaggio di capsaicina per te.

CAPSAICINA IN CAPSULE – CLICCA QUI !

https://pilloledimagranti.net/wp-content/uploads/2018/06/Capsaicina-2.jpghttps://pilloledimagranti.net/wp-content/uploads/2018/06/Capsaicina-2-150x150.jpgPillole dimagrantiPillola dimagrante efficaceSebbene la capsaicina, presente in tutti i peperoncini piccanti, sia nota per fornire una sensazione di bruciore, l'assunzione di pillole di capsaicina può avere diversi benefici per il corpo. Molte persone sono interessate a utilizzare l’integratore di capsaicina anche per la perdita di peso e per la gestione del peso. Questo...Come evitare le truffe!